A tavola senza paura!

Che tipo di alimentazione adottare in caso di disturbo di reflusso gastroesofageo: quali cibi da includere nella dieta e quali da evitare?

Di seguito la tabella dieta, gli accorgimenti generali per limitare i disagi da disturbo gastro-esofageo e i miti da sfatare!

Tabella Dieta Reflusso gastrico


Cibi consigliati

Frutta

• Mele

• Succo di mela

• Banana

Verdure

• Patate al forno

• Broccoli

• Cavoli

• Carote

• Fagiolini

• Piselli

Carne

• Carni bovine magre extra-lean

• Bistecca magra

• Petto di pollo senza pelle

• Albumi d'uovo

• Pesce senza grassi aggiunti

Prodotti lattiero-caseari

• Formaggio, feta o formaggio di capra

• Crema di formaggio, senza grassi

• Panna acida, senza grasso

• Formaggio di soia, a basso contenuto di grassi

Prodotti vari

• Pane di grano o bianco

• Cereali, crusca o farina d'avena

• Pane di mais

• Riso

• Torte di riso

Bevande

• Acqua Minerale

Grassi / Oli

• Salse condimento a basso tenore di grassi

Dolci / Desserts

• Biscotti, senza grassi

• Liquirizia

 

 


Cibi da evitare

Frutta

• Succo d'arancia

• Limone

• Limonata

• Succo di pompelmo

• Succo di mirtillo

• Pomodoro

Verdure

• Purè di patate

• Patatine fritte

• Cipolla

Carne

• Carni bovine grasse

• Chicken nuggets

Dairy

• Panna acida

• Milk shake

• Gelato

• Formaggio Cottage

Prodotti vari

• Macaroni e formaggio

• Spaghetti con salsa

Bevande

• Liquori

• Vino

• Caffè

• Tè

Grassi / Oli

• Condimenti grassi

• Olio e aceto

Dolci / Desserts

• Biscotti al burro grassi

• Brownie

• Cioccolato

• Doughnut

• Patate mais

• Patatine

Accorgimenti per prevenire i disturbi derivati dal reflusso gastrico.

Per le persone che hanno disturbo di reflusso gastroesofageo un'alimentazione mirata, una dieta con degli alimenti specifici, è la soluzione migliore per controllare il problema del reflusso acido.

Una prima regola riguarda la quantità dei pasti. Sarebbe opportuno mangiare piccoli pasti frequenti, invece dei tre grandi al giorno. Minori quantità di cibo fanno sì che lo stomaco lavori di meno e questo si traduce in minore secrezione di acido per la digestione.

Altro accorgimento importante: includere gli alimenti ad alto contenuto di complessi di carboidrati in ogni pasto. Questi alimenti, come riso, pane e pasta, sono in grado di limitare l'eccesso di acido dello stomaco.

Evitare i pasti ad alto contenuto di grassi, sono più difficili da digerire.

Evitare o limitare l'alcol.

Mantenere una posizione verticale durante i pasti e almeno 45 minuti dopo aver mangiato.

Tenere il capo elevato quando si è sdraiati.

Evitare bevande che stimolano la secrezione di acido come la birra, il vino e le bevande gassate. La cosa peggiore di tutti è la birra!

 

Sfatiamo alcuni miti:

Bere latte prima di dormire: molte persone sono convinte che bere prima di dormire sia positivo per il problema del reflusso acido. In realtà, spesso il latte invece finisce per causare il reflusso durante il sonno. Il latte che apparentemente sembra dare sollievo, in realtà aumenta la secrezione di acido dello stomaco. A voler comprendere la situazione all'origine, va detto che il problema alla base è legato al "mangiare troppo" a cena. Abbuffarsi prima di andare a dormire causa una maggiore produzione di acido gastrico.

Caffè, agrumi e cibo speziato fanno bene o male?

Pareri contrastanti: in molti sostengono che il caffè, la frutta (quella più acida) e i cibi piccanti possano aggravare il reflusso acido. Pertanto, dovremmo evitarli dalla nostra dieta quotidiana, al fine di ridurre il reflusso acido. Un recente studio pubblicato negli Archives of Internal Medicine, nel maggio 2006, ha voluto smentire queste "supposizioni". I ricercatori del Stanford University hanno rilevato che solo due cose possono ridurre i sintomi di reflusso acido: mangiare meno e tenere il capo leggermente sollevato quando si dorme.

Share |