SCREEN

Cpanel

Cure naturali

Rimedi naturali per l'ansia

ansia-cureAnsia: come combatterla? Ecco qualche rimedio naturale

Il problema dell’ansia affligge in Italia circa 600.000 persone ogni anno. Ansia, stress e nervosismo sono sensazioni avverse che possono impedirci di vivere appieno la quotidianità. Se ci rendiamo conto che un pensiero negativo diviene fisso, un'angoscia più o meno motivata o uno stato di irritabilità perenne iniziano a rovinare momenti che avrebbero potuto essere appaganti e sereni, forse è il caso di mettersi in moto e fare qualcosa per noi stessi.

 

L'ansia è una complessa combinazione di emozioni negative che includono paura, apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche come palpitazioni, dolori al petto, respiro corto, nausea, tremore interno. Può esistere come disturbo cerebrale primario oppure può essere associata ad altri problemi medici, inclusi altri disturbi psichiatrici.

L'ansia sembra avere una componente cognitiva, una somatica, una emozionale e una comportamentale.

La componente cognitiva comporta aspettative di un pericolo diffuso e incerto. Dal punto di vista somatico, il corpo prepara l'organismo ad affrontare la minaccia (una reazione d'emergenza): la pressione del sangue e la frequenza cardiaca aumentano, la sudorazione aumenta, il flusso sanguigno verso i più importanti gruppi muscolari aumenta e le funzioni del sistema immunitario e quello digestivo diminuiscono. Esternamente i segni somatici dell'ansia possono includere pallore della pelle, sudore, tremore e dilatazione pupillare.

Dal punto di vista emozionale, l'ansia causa un senso di terrore o panico, nausea e brividi.
Dal punto di vista comportamentale, si possono presentare sia comportamenti volontari che involontari, diretti alla fuga o all'evitare la fonte dell'ansia. Questi comportamenti sono frequenti e spesso non-adattivi, dal momento che sono i più estremi nei disturbi d'ansia.

Comunque l'ansia non sempre è patologica o non-adattiva: è un'emozione comune come la paura, la rabbia, la tristezza e la felicità, ed è una funzione importante in relazione alla sopravvivenza.

Si ritiene che alcune erbe abbiano principi anti-ansia, come la radice di valeriana o la camomilla. Integrazioni alimentari per combattere l'ansia includono il magnesio e le vitamine del complesso B.

Le bevande alcoliche sono probabilmente le sostanze più usate per i tentativi di autoalleviamento dell'ansia, ma con importanti conseguenze negative. Chi soffre d'ansia deve sapere che l'alcool è anche un potente depressivo, e crea una pletora di effetti collaterali gravi e pericolosi, oltre a provocare assuefazione e dipendenza.

Rimedi naturali

Si può provare con la fitoterapia, vale a dire la pratica, antica quanto l'uomo, di curare il proprio benessere attraverso le piante. Uno dei più efficaci rimedi naturali contro ansia e stress è la passiflora o "fiore della Passione". La passiflora ha spiccate virtù rilassanti, e in erboristeria si presenta sotto diverse forma: capsule, tintura madre o tisana. La passiflora tintura madre comunemente si assume in 20-30 gocce tre volte al giorno prima dei pasti, e in caso di crisi di ansia in quantità anche superiori. Quest'erba si usa anche contro l'insonnia ma, a differenza di altri prodotti come la valeriana, placa il senso di angoscia senza togliere l'energia vitale o provocare eccessiva sonnolenza. La passiflora si può anche combinare appunto con la valeriana e i fiori di biancospino per ottenere una tisana rilassante.

Parlando di tisane, è possibile farsene preparare una su misura dalla propria erboristeria di fiducia, mixando erbe che hanno un effetto curativo sugli stati d'ansia con altre che agiscono sui disturbi personali correlati (ad esempio stanchezza, depressione, dolori mestruali etc.).

Nell'aromaterapia, il rimedio più efficace e usato contro l'ansia è sicuramente la lavanda. Il primo passo è ovviamente acquistarne l'essenza (tra le marche più valide segnalo Erboristeria Magentina); il prodotto può essere versato nella vasca da bagno o nel lavandino per una manicure rilassante. Può essere utilizzato nel diffusore per l'ambiente, spruzzato sul cuscino prima di dormire, o aggiunto all'olio di mandorle spalmato sul corpo dopo la doccia. Per un'azione più forte si può portare con sè il boccettino dell'essenza di lavanda e annusarlo in diversi momenti della giornata, magari quando ci si sente più preoccupati e oppressi; è
sconsigliata invece l'applicazione diretta sulla pelle poiché può provocare irritazioni.

Altra pianta considerata un toccasana contro gli stati di angoscia e nervosismo generale è il biancospino, conosciuto fin dagli antichi romani per le sue molteplici virtù. Anche il biancospino si può assumere in gocce (grazie alla tintura madre), in capsule oppure in forma di tisana di fiori e foglie. Si può acquistare anche l'infuso in bustina al supermercato, ma generalmente quelli preparati in erboristeria sono più efficaci. Siccome la tisana è poco saporita, vi si può aggiungere un cucchiaino di miele. Si possono mangiare anche separatamente i frutti del biancospino. Pare che questa pianta sia particolarmente utile alle persone che tendono ad andare in ansia proprio nel momento in cui staccano la spina da una vita frenetica e attiva.

La melissa, altra pianta benefica contro questo tipo di disturbi, si addice invece di più alle persone vulnerabili ed eccessivamente sensibili, perennemente preoccupate e impaurite. La melissa viene utilizzata come erba aromatica per insaporire vari tipi di piatti, dalle insalate ai secondi di carne. I fiori di melissa essiccati vengono utilizzati per le tisane; esiste poi anche la tintura madre che, tra l'altro, è particolarmente indicata durante situazioni di agitazione e nervosismo nel periodo premestruale o durante la menopausa.

Alcune attenzioni a sé stessi e le tecniche di rilassamento giocano un ruolo importante nell'alleviare i sintomi dell'ansia. Per esempio:

Una dieta appropriata – Questo comprende la riduzione del consumo di caffeina, zucchero e, in generale, un miglioramento delle abitudini alimentari. La riduzione della caffeina dovrebbe essere graduale. Alcuni che soffrono di ansia riferiscono riduzioni considerevoli nella loro ansia semplicemente prendendo queste misure.

Consapevolezza corporea - Riuscire a cogliere, interpretare e gestire le modifiche fisiologiche dell'organismo, attraverso un training appropriato e migliorando la relazione mente-corpo-emozioni con la Terapia Bioenergetica.

Esercizio fisico – Si pensa che un po' di esercizio allevi lo stress. Chi soffre d'ansia dovrebbe notare che le palpitazioni di cuore durante l'esercizio fisico possono scatenare un attacco di panico quindi, probabilmente, è meglio sviluppare gradualmente un esercizio di routine all'interno di un programma cognitivo-comportamentale.

Ridere

Tecniche di respirazione.

Sonno appropriato.

Tecniche di rilassamento – Uno stato di rilassamento può essere raggiunto con l'aiuto di registrazioni di auto-ipnosi, training autogeno, yoga, meditazione. Ci sono una serie di libri specializzati nella gestione dello stress.

Gestione dello stress – Questo può comportare cambiamenti nello stile di vita e nella gestione del tempo. Ci sono un numero di libri specializzati nello stress management.

Strategie per affrontare gli attacchi di panico. Strategie specifiche per trattare con gli attacchi di panico, come una tecnica di respirazione adatta e self-talk rassicurante.

La ricerca del significato e dello scopo – Alcuni esperti hanno indicato che l'ansia generalizzata residua può essere il risultato di una specie di noia dell'esistenza. Essi raccomandano di cercare un'occupazione che il paziente trova significativa.